Interviste NI: Metharia

Il 18 gennaio si sono esibiti i Metharia al “1° Hades Metal Festival”, svoltosi all’Hades, famoso locale napoletano dove si predilige musica Rock/Metal.
Il minifestival aveva nomi interessanti in cartellone, ma di certo non mi sarei mosso da casa se non avessi visto il nome METHARIA nella locandina.

Da solo pero’ i concerti sono tristi, faccio quindi sentire ad un amico Ockulta Informazione e fortunatamente ne rimane folgorato quanto me. Si parte quindi, con Antonio, verso l’Arte.

L’esibizione e’ eccezionale, sembrava un playback vista la precisione di esecuzione, ed il godimento e’ aumentato grazie all’ottima acustica del locale.

All’uscita casualmente reincontriamo i Metharia ad un bar, e si continua a parlare con Raul (voce), da li’ parte l’idea di un intervista per NirvanaItalia.it a quella che, personalmente, ritengo l’attuale miglior band metal, con cantato in italiano, non solo della scena partenopea ma dell’Italia tutta.

Qualche giorno dopo il concerto, Raul ha fatto caso che il 18 gennaio e’ lo stesso giorno del debutto di 15 anni fa !!!

NI: Ciao Raul, per rompere il ghiaccio mi confermi che ti chiami Luca o sono io che ti chiamo erroneamente cosi’ da 13 anni ?

Raul: Assolutamente si. Raul è il guerriero che scende sul campo di battaglia che è il palco… ormai è lui ad aver preso il sopravvento. Chi possiede i nostri primissimi lavori troverà alla voce Luca Volani. Poi divenni Raul; dicevano che avessi le sembianze di un sudamericano. La band mi ribattezzò così, eravamo ad una delle tante cene a casa di Enzo “soulfingers” Rizzo che fu nostro tecnico del suono nel Promo del 2003, ormai sono Raul per tutti, ma per me cambia poco. Quello che conta è il fuoco della mia passione per il Rock che non si è mai spento! Ahahah mi viene in mente il mio amico Gianluca di Bonito che mi chiama “Raul il mio amico Azteco”!

NI: Ci racconti brevemente la storia dei Metharia

Raul: I Metharia nacquero nel 1999 e debuttarono il 18 gennaio del 2000 al Notthing Hill di Napoli, ricordo che era morto Craxi. Fu un giorno di festa… se non mi sbaglio con noi debuttarono anche gli Ansiria un’altra formidabile band del caro amico Irvin Vairetti. Il nostro background viene sicuro dal metal e dal rock pesante, ma è davvero vario basti pensare ai tanti componenti ed ai cambi di line up. Ognuno di noi predilige un filone differente, di sicuro non facciamo pop…ahahahah Sinceramente le etichette nella musica non mi sono mai piaciute ed il mondo della musica popolare mi ha insegnato che non esistono barriere. Quando canto quello che mi influenza viene prima da dentro, poi mi influenza ciò che ascolto, che ho ascoltato, la mia terra, la mia gente… siamo i Metharia, se fossimo nati in un’altra parte del mondo saremmo diversi, faremmo un rock diverso. Per qualcuno siamo duri, siamo metal per altri siamo rock.. il nostro sound è potente come poche rock band in Italia, cupo, profondo… usiamo chitarre a 7 corde, accordature particolari, ma non rinunciamo alla melodia e alla semplicità della canzone…le nostre canzoni le può cantare chiunque… la musica deve arrivare al cuore, avere quasi un effetto terapeutico…

NI: Cosa significa oggi continuare a fare il vostro genere musicale rispetto a quando avete cominciato ?

Raul: Significa che dopo 15 anni sei considerato sempre “emergente”. Da bambino sognavo di fare l’astronauta, mi piacevano le cose impossibili, poi mi resi conto che fare rock duro a Napoli era ancora più impossibile. Oggi siamo consapevoli dei nostri mezzi e sereni della nostra realtà. Tutto quello che abbiamo fatto ed ottenuto l’abbiamo ottenuto con le nostre forze, senza mai sbavare dietro nessuno, Non fa parte del nostro stile. A che serve avere una cosa se la si è ottenuta per favori reciproci e non perché la si è meritata ? La musica è pura… non la si deve vivere come la politica per esempio…la trasparenza, la purezza salva l’anima e rende vera l’arte!

NI: Come siete cambiati e cosa volete raccontare della contemporaneità ?

Raul: Chi ha avuto modo di ascoltarci dall’inizio sa quale è stato il nostro percorso. Siamo passati dal metal, trash, prog….atmosfere dark, new wave Ma ancora oggi non sapremmo come definirci. Siamo Rock? Ditelo voi. Il rock è una cosa seria, roba dura non quello che spesso si giudica come rock in Italia e poi il rock è anche un modo di essere, di pensare… non puoi servire due padroni… se segui il Dio del Rock te ne fotti di tutte le sporche competizioni che impone soprattutto la televisione che sta celebrando man mano la morte dell’arte. “Mistificazione di banalità, mercificazione di creatività … mercificazione di libertà !!!”( da Echi e Frequenze ). Se uccidi la passione per la musica uccidi la tua stessa libertà. Qualcuno vorrebbe farci smettere di sognare!!! Cmq noi abbiamo fatto il nostro percorso e siamo maturati, oggi sai che dai Metharia puoi aspettarti suoni di chitarra taglienti che ti lacerano dentro e la voce che entra nella testa e nel cuore con spiccata attitudine per la melodia. Brani pronti a spiazzarvi ce ne saranno sempre e potrete constatarlo anche nel nostro album la cui uscita è ormai imminente! Noi vogliamo e possiamo raccontare della nostra contemporaneità… ci siamo aggiornati un po’… lo scoprirete nel nostro prossimo lavoro.

NI: Vi conosco da un lontanissimo concerto al Jail (Napoli, probabilmente 2002), e mi colpiste piu’ del gruppo a cui facevate da spalla, da allora non vi ho piu’ mollato, mi sono sempre chiesto perche’ un gruppo, preparato ed originale come voi, non abbia trovato una casa discografica disposta a produrvi in tutti questi anni.

Raul: Ce lo stiamo chiedendo ancora anche noi!!! Ahahah All’epoca c’era molto fermento nei locali del centro storico di Napoli… Oggi non c’è davvero un cazzo! Nel 2004 ci sciogliemmo e ripartimmo live nel 2008 con vari cambi di line up fino al ritorno di Giuseppe Arena (mask) alla chitarra nel 2010. Forse in quel momento siamo davvero ripartiti… si è rigenerata qualla magia, quell’alchimia, e subito e’ nato l’EP “ockulta informazione”

Beh di strada ne è stata fatta, ma alla fine la gente ha sete di rock, non è vero che non gliene frega nulla. In tutti questi anni abbiamo girato e spesso abbiamo suonato nei posti più sperduti e dimenticati… eppure abbiamo trovato una fame di rock indescrivibile, più i posti erano “dimenticati” dal rock e più la gente era affamata ed affettuosa. Non c’è cosa più bella che ricevere affetto e riconoscenza per aver suonato e regalato emozioni a gente che un attimo prima non sapevi chi fosse…che esistesse. Purtroppo il rock spesso è una musica scomoda, le etichette investono sulla merda e se quotidianamente ti trasmetto merda tu suddito finirai per ascoltare merda!!!

La televisione sta letteralmente cancellando l’arte… per cantare devi competere con altri più magri e muscolosi di te, per fare il cuoco devi odiare altri cuochi, per fare il coglione devi competere con altri coglioni su un’isola deserta !!! Più sei coglione e più fai strada!

Il rock è unione, la musica è condivisione …. Non può essere competizione mai!!! La musica deve unire, non può dividere!!! Chi fa arte pura è scomodo ed è tagliato fuori! Il rock è ribellione, fare musica e avere ideali da inseguire, avere qualcosa da dire senza aver bisogno di qualcuno che ti scriva i pezzi per poi speculare sul tuo talento!!!

Potete condannare tutto di noi, ma i Metharia sono quelli che vedete, che ascoltate… senza finzioni inutili… La musica è magia e purezza, la cosa più importante per noi e la sua natura divina non può essere sporcata, noi non lo faremo mai. La nostra è una missione: risvegliare le coscienze con la nostra musica, con l’unione e l’umiltà, mai con l’odio e la competizione!!!

NI: La rivoluzione digitale ha reso più semplice la diffusione dei più svariati contenuti, tra cui anche quelli musicali. Quanto la scena rock – metal italiana e napoletana è stata in grado di cogliere tale opportunità per far crescere il genere, i gruppi affermati e le giovani realtà ?

Raul: Ci credo poco a questa cosa. Io personalmente mi connetto poco e seguo anche pochissima tv… e sono sempre l’ultimo a sapere le cose ahahah Beh di sicuro il web permette di far arrivare lontano la propria musica, ma allo stesso tempo oggi basta che scrivi 4 cazzate e ti spacci per musicista. C’è un sacco di merda in giro ahahah ma anche tanti artisti sconosciuti di una bravura agghiacciante… di una sensibilità artistica fuori dal comune!

Credo che la musica campana, della scena underground filone rock metal… ( ripeto non amo le etichette e le divisioni), non mi sembra ne abbiamo usufruito più di tanto. Qua manca proprio una vera e propria scena alternativa… eppure ci sono band davvero validissime… manca la predisposizione del pubblico e credo che in questo senso la rete abbia agito in negativo.

Ai concerti faccio sempre una premessa… “NON SIAMO SU YOUTUBE”!!! Credo che ormai con il web si può avere tutto e subito e le nuove generazioni siano un po’ diseducate all’acquisto del cd, al vivere un concerto live… “tanto me lo vedo a casa scaricandolo con la coca cola ed i popcorn davanti”, e quindi oggi risulta dura fargli muovere il culo anche nei Live. Un tempo si pogava più genuinamente e con spontaneità!!!

NI: Come giudichi i nuovi fermenti, se tali possono definirsi, della Napoli Metal ? Credi sia possibile immaginare per il futuro l’avanzamento di una proposta di un metal mediterraneo, alternativo a quello nord europeo ?

Raul: Credo che la realtà sia molto dura e la vedo nera per il futuro. Pare ci sia un certo fermento di band hardcore.

“Metal mediterraneo”? ma lo facciamo già noi ahahah, a parte gli scherzi credo che le potenzialità ci siano tutte ma manca l’appoggio dei locali, delle strutture…dei discografici… e della gente stessa che fruisce solo cose riciclate!

NI: Avete appena finito le registrazione per il vostro primo album, dove volete arrivare con questo disco?

Raul: Il disco è autoprodotto e con i nostri mezzi credo che abbiamo ottenuto un prodotto davvero di pregevole fattura. Il massimo che potessimo fare. Adesso cerchiamo una distribuzione seria, pare che qualcosa bolla già in pentola e ci auguriamo di trovare il modo di girare un po’ almeno per l’Italia a promuovere questo lavoro. Un lavoro inseguito per 15 anni, adesso so che se un giorno dovessi mancare potrò vivere attraverso questo disco… per sempre. Ecco dove noi vogliamo davvero arrivare è nei cuori dei nostri ascoltatori, dei nostri fans. Vogliamo che apprezzino il lavoro ed i sacrifici che ci sono dietro a questo lavoro ed a questo progetto in tutti questi anni!!! Noi abbiamo sempre avuto un rapporto diretto con i nostri “seguaci”, infatti per questo album stiamo allestendo una vera e propria squadra per la promozione e la realizzazione di questo progetto.

Anzi cogliamo l’occasione per fare un appello a chiunque voglia aiutarci, darci una mano e far parte della “famiglia” METHARIA… per copertine, sfondi, realizzazione sito, pagine , promozione, locali, web ecc.

Noi facciamo tutto con le nostre forze!

NI: Negli anni sono usciti 5 demo, per un totale di 16 brani (alcuni ri-arrangiati piu’ volte), quanti di questi entreranno nel vostro primo album ?

Raul: Ci saranno 3 brani dei lavori precedenti riarrangiati con ospiti d’eccezione. In “Echi e Frequenze” avremo le tastiere suonate dal grande “Marchese” Antonio Aiazzi dei Litfiba, in “Karma” le percussioni di Ciccio Merolla, ed in “Luce Senz’Anima” le tastiere e i sinth di Massimo D’Ambra. Un onore per noi… avremo sempre immensa gratitudine per chi si è fatto prossimo dei nostri sacrifici. 

NI: Per salutarci, dandoci appuntamento alla presentazione del disco, toglietemi una curiosità, che diavolo significa Wakynian Tanka ?

Raul: Un nostro brano del 2001…. Eh eh… Wakynian Tanka era il grande uccello del tuono presso alcune tribù Sioux.

“La Prima volta che lo sciamano Sioux, Cervo Zoppo, salì su un moderno Jet, paragonò l’aereo a Wakinyan Tanka, il Grande Uccello del Tuono, il cui terrificante potere infiamma i fulmini !!!”

Così come gli indigeni di alcune isole del pacifico pensavano che gli aerei americani che vi atterravano, durante la seconda guerra mondiale, fossero gli Dei che ritornavano!

A noi piace pensare che Wakynian Tanka sia, come tanti altri eventi del passato, la testimonianza di eventi ufologici nel passato. Così come gli Annunaki presso i Sumeri, che portarono la civiltà sulla terra.

A proposito il disco si chiuderà con una track che vi spiazzerà intitolata “nephilim”… che sono citati anche nella bibbia e che secondo la traduzione di Zecharia Sitchin letteralmente vuol dire “CADUTI DAL CIELO”. Del resto basterebbe informarsi sul significato del nome “Metharia”. Documentatevi…

Vi aspettiamo alla presentazione sarà una grande festa di rock, non mancate!

Sia pace su tutte le frontiere… resistenza agli oppressori!!!

Domande serie: Antonio Napolitano
Foto e domande inutili: Kurt74

NirvanaItalia.it sul libro “InUtero”

Per scaramanzia non mi piace parlare di progetti in corso, ma ora abbiamo firmato la liberatoria per la pubblicazione ed e’ arrivato il momento di dare la notizia.

Io insieme a Thebeatter ed a Rixx abbiamo scritto un contributo di circa 10.000 caratteri sul panorama nirvaniano italiano all’uscita di InUtero.

Il lavoro sara’ pubblicato nel libro dedicato a “In Utero” nella collana “Tracks” della “NO REPLAY”.
La collana partira’ a marzo e affrontera’ gli album piu’ importanti della storia della musica.

InUtero e’ previsto per giugno, noi abbiamo gia’ firmato le liberatorie, stanno pero’ aspettando tutte le autorizzazioni perche’ il libro e’ la traduzione di “Nirvana – In Utero 33 1/3” di Gillian Gaar, pubblicato in Inghilterra dalla casa editrice Continuum e di cui gia’ parlammo su Nirvana Italia.


P.S. Libro uscito il 18 Maggio 2008

NirvanaItalia.it sul “Rolling Stone”

Sono appena andati via un giornalista ed una fotografa del Rolling Stone, mi hanno intervistato e fotografato.
Entro maggio/giugno sara’ in uscita, spalmato su piu’ numeri, un servizio sui siti ed i fanclub piu’ importanti in italia riguardanti diversi gruppi musicali. Per i Nirvana e’ stato scelto Nirvana Italia.

Sono molto felice, e’ il raggiungimento di una meta, il riconoscimento di anni di impegno e passione.

Ringrazio tutti voi del forum perche’ siete la parte viva di Nirvana Italia che contribuisce a non far dimenticare cio’ che questo gruppetto riusci’ a fare nel panorama musicale con soli 3 album.

Up Nirvana
Up Kurt Cobain
Up Nirvana Italia

Vi faro’ sapere quando esce l’articolo, io ne compro almeno tre copie 🙂
http://www.rollingstonemagazine.it/


P.S. L’articolo è uscito sul numero 64 di Febbraio 2009